presenta: “Emozioni in audiovisivo”
mercoledì 22 gennaio 2014 presso l’Associazione  in via R. Sanzio 6 Bologna

Realizzare un audiovisivo, per Stefano  e’ soprattutto raccontare un’emozione e trasformarla in un’idea. E poi immaginare la sceneggiatura, le inquadrature, il montaggio la musica, l’eventuale testo, e come combinare tutti questi ingredienti.

Per fare questo non c’e’ bisogno di andare in luoghi esotici e lontani, o fotografare etnie sconosciute.

Foto di Stefano Marcellini

Foto di Stefano Marcellini

Un buon soggetto puo’ essere dietro casa, puo’ celarsi in qualcosa che ci sfila davanti tutti i giorni, ma che non abbiamo mai osservato nel modo giusto.

Foto di Stefano Marcellini

Foto di Stefano Marcellini

Foto di Stefano Marcellini

Foto di Stefano Marcellini

E in fin dei conti questo e’ ciò che rende speciale la fotografia: saper mostrare l’invisibile nella realta’, quello che c’e’, e’ sempre stato li, ma si svela soltanto a chi lo sa vedere.

Foto di Stefano Marcellini

Foto di Stefano Marcellini

Foto di Stefano Marcellini

Foto di Stefano Marcellini

Stefano Marcellini:

A 13 anni decide, non si sa in base a quali perversi meccanismi mentali, che la fotografia e’ la sua  passione, e convince il padre a comprare una Miranda Sensorex II. Per un po’ scatta foto inguardabili, obbligando i familiari a estenuanti sessioni di proiezioni di diapositive. Poi, prima che il parentado decida di evitare definitivamente la  sua famiglia, la tecnica e il gusto estetico si consolidano, impara a sviluppare il bianco e nero e a 16 anni infila in una busta quattro foto di ruote di treno arrugginite e le invia a un concorso fotografico. Contro ogni ragionevole aspettativa vince il primo premio. Col passare degli anni la passione per la fotografia resta sempre viva, anche se a volte viene relegata in secondo piano. Il fuoco si riaccende con l’acquisto della sua  prima (e finora unica) reflex digitale, 7 anni fa. Complice il web, che rende possibile pubblicare le proprie foto e guardare quelle degli altri, e la postproduzione, che permette di gestire completamente le proprie immagini, riporto velocemente alla luce la passione per la fotografia. L’iscrizione al Circolo Fotografico Bazzanese e la possibilità di confrontarsi  con gente molto più brava gli da una nuova carica. Da qualche anno si appassiona alla realizzazione di fotografici, che ritiene una forma di espressione molto completa e con grandissime potenzialità “artistiche”.

Durante la serata saranno proiettati audiovisivi fotografici, tra cui:
• Gold, Juno, Omaha, Sword, Utah
• La Fontana di Trevi
• Subway
• Un Treno per Amico
• Blue Valentine
• Scatto Ergo Sum

Vi aspettiamo per questa interessante serata!!!!!